Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

POETESSE A LA CARTE, IL VERSO E' SERVITO

In giro nei locali, un po' artiste un po' attrici, propongono poesie ai commensali.
 

Clicca per ingrandireMenù speciale. “Fae cu le cecore reste” di nonna Rita, municeddrhi suffriti di zia Rosa”, e per dessert “Le foglie torte” di Jacques Prevert. Per chi intende alleggerire stomaco e mente, lo chef consiglia un sonetto in romanesco firmato Trilussa, magari quello dei polli su cui sono stati beccati fior di matematici alle prese con i calcoli statistici; o i salmi cucinati in versi sciolti di Gioachino Belli.

Per chi non si accontenta, ecco il conte Antonio De Curtis, al secolo Totò, con la sua verve di poeta conquistata in tarda età che sconfina in caramelloso sentimentalismo. I gusti sono gusti: a ogni commensale il suo piatto. E la sua poesia del cuore.

Che nei ristoranti del centro storico di Lecce e in altre località del Salento viene letteralmente divorata tra un primo e secondo piatto o declamata per digestivo dai “Mangiatori”, compagnia di quindici giovani attori che, convinti che con la cultura si mangia, in tutti i sensi, hanno scelto di portare il teatro e la poesia fuori degli spazi convenzionali e, allo stesso tempo, gustosi e familiari.

Sono tutti del nord, ma il progetto, ideato da Marco Bonadei, diplomato al Teatro Stabile di Torino, di fatto è nato quattro anni fa nel Salento durante una vacanza condita nelle piazze con un po’ di commedia dell’arte. Dal teatro di strada ai punti ristoro dove concentrare il “menù della poesia” e far assaporare a ogni cliente il suo verso preferito, il passo è stato breve e l’idea illuminante.

Da allora, ogni estate, eccoli in sala vestiti con abiti da maitre o cameriere a proporre i versi di Dante Alighieri piuttosto che di Petrarca, o “La Pioggia nel pineto” di D’Annunzio, “S’i fossi foco” di Cecco Angiolieri o le massime del matrimonio di Moliere. Camicia bianca e papillon, gli attori arrivano a sorpresa in tre o quattro e, nello stupore generale si presentano in versi, quindi - entrando nel vivo della performance poetico-culinaria - distribuiscono i menù d’autore ai tavoli, una quarantina di brani che vengono cambiati con regolare frequenza. Risultato: servizio perfetto. E, spesso e volentieri, applausi e richiesta di bis, proprio come a teatro. I prezzi? “Libera interpretazione, al pari delle vostre emozioni”, così è scritto sulla “carta”.

Nel Salento, da una settimana, la fame di cultura a tavola viene soddisfatta dalla torinese Anna Charlotte Barbera (figlia di Sconsolata, alias Anna Maria Barbera), Giulia Rupi (nativa di Arezzo) e Chiara Leone, palermitana.

Anche loro diplomate allo Stabile di Torino, città della formazione e - come sottolinea Charlotte - «patria artistica». Lecce seconda patria e città adottiva. Ormai sono di casa.

Soprattutto al ristorante e vineria pub “Joyce” di Marco Povero, all'Ombra del Barocco, da “Arte dei sapori”, “Mamma Elvira”, “Doppiozero”, “Peccato divino” (a Otranto, dove hanno tappa qualche giorno fa) solo per citare alcuni tra i locali più poetici dove l’arte del raccontare scorre a fiumi, emozionando adolescenti e adulti, italiani e stranieri. La ricetta vincente? «Tra cliente e attore non c’è alcun filtro - chiosa Barbera -, ci si guarda negli occhi e ci si nutre di quello che accade in quel momento».


Data: 15/07/2015.   Fonte Notizia: Angela Natale, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento