Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

FERRAGOSTO DA PIENONE SU JONIO E ADRIATICO

Nonostante il tempo abbia fatto un po’ i capricci, è stato un Ferragosto da pienone nei lidi salentini.
 

Clicca per ingrandireNonostante il tempo abbia fatto un po’ i capricci, è stato un Ferragosto da pienone nei lidi salentini. Confermando il trend positivo di questa estate.

Il flusso turistico democraticamente diviso su tutta la penisola salentina: il Salento dei mari, quest’anno, ha fatto bingo sia sullo ionio, che sull’Adriatico, complice un caldo da record, soprattutto in luglio. Due lati della penisola con vocazioni diverse: il divertimento per il lato occidentale, il relax, lo sport e l’attenzione per le famiglie su quello orientale.

A confermare i primi feedback positivi da parte dei gestori dei lidi è Mauro Della Valle, presidente Assobalneari Lecce: «Quest’anno le condizioni meteo sono state a favore delle imprese turistiche, al punto che finora abbiamo registrato un +20%. Ci fa piacere, poi, che i vacanzieri abbiano potuto scoprire anche gli splendidi paesaggi dell’Adriatico, che sanno offrire tante emozioni. Dico solo che a luglio di quest’anno il fatturato ha raggiunto quello ottenuto fino ad agosto dell’anno scorso. Per ora siamo dunque molto soddisfatti, speriamo però che sia anche la volta buona per allungare i bagni fino a settembre. Questi risultati confermano che i turisti preferiscono i servizi, le spiagge pulite e la vigilanza: cosa che ancora, lo dico a malincuore, non accade sull’arenile libero. I prezzi? Più alti sullo Ionio che sull’Adriatico, ma a Ugento e Salve, i villaggi applicano anche pacchetti all inclusive, risparmiando brutte soprese al cliente».

E che l’Adriatico sia una meta adatta al relax è confermato anche da “Spiaggia Bella resort”, albergo 3 stelle che insiste sul Parco di Rauccio, aperto nemmeno due mesi fa e già affollato di italiani e stranieri: «Il ponte di Ferragosto è stato al completo, complice anche un’atmosfera slow e confortevole - spiega la titolare, Martina Ria -: abbiamo un 60% di italiani, provenienti soprattutto dalle regioni vicine, e un 40% di stranieri, tra americani, olandesi, polacchi, inglesi, turchi, francesi e anche spagnoli, la vera sorpresa».

Sul fronte ionico, Gallipoli non delude mai, eppure l’affitto selvaggio di appartamenti, spesso anche in nero, dà un po' da pensare ai titolari di alberghi e b&b, che pagano regolarmente le tasse: «Viaggiamo su un riempimento del 90-95% - spiega Angelo Ria, imprenditore dell’accomodation che gestisce 800 posti letto, tra alberghi, b&b e ville vacanze -. Non dimentichiamo che la Puglia è la regione col più alto tasso di seconde case e c’è chi approfitta dell’onda del successo per fare concorrenza sleale a chi lavora duro e con professionalità. Il prezzo, anche a Ferragosto, deve essere giusto, altrimenti il cliente ti abbandona per qualcosa di più economico, anche se deve rinunciare alla colazione o al posto sotto l’ombrellone. Oggi c’è molta più consapevolezza, ma a volte anche aggressività».

C’è poi un turismo dello Ionio legato alle origini, ai ricordi e al contatto più diretto con la natura. Sono queste le emozioni suscitate dai paesaggi nostalgici del Ciolo e dal mare a perdita d’occhio visto dal Santuario di Santa Maria di Leuca: un’esperienza da mille euro a settimana in altissima stagione e proposta dal gruppo Caroli Hotels, che gestisce numerosi alberghi, tra cui anche nel Capo di Leuca: «Da noi il 70% dei villeggianti è costituito da famiglie italiane che tornano ogni anno, magari insieme ai nipoti, perché affezionati a questi paesaggi, perché ci sono nate e sono dovute andare via, o semplicemente perché se ne sono innamorate - spiega Attilio Caroli -. A molti di loro piace fare escursioni in caicco, tour in bicicletta, non si perdono nemmeno una sagra. E poi camminano lungo il sentiero delle Cipolliane, da Novaglie al Ciolo, a strapiombo sul mare, aspettando l’alba».


Data: 17/08/2015.   Fonte Notizia: Serena Costa, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento