Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

E' BOOM, MA SALENTOINBUS NON ASPETTA I TURISTI «UN'OCCASIONE PERDUTA»

L’estate nel Salento sembra non voler finire. Con buona pace degli imprenditori che si occupano di turismo.
 

Clicca per ingrandireL’estate nel Salento sembra non voler finire. Con buona pace degli imprenditori che si occupano di turismo. La città, anche nella giornata di ieri, era piena di turisti intenti a fotografare ogni angolo della città. Le coste non sono da meno: in base al vento, ovviamente, i litorali saletini sono stati più o meno presi d’assalto non solo dal turismo local, ma anche quello settembrino che da qualche anno regala delle giornate dalle temperature estive. Ma fatto salvo per un paio di giorni in questa settimana in cui è previsto maltempo, a rovinare l’accoglienza nel Salento è ancora una volta l’assenza di servizi. Di trasporti, in questo caso.

Il servizio di Salentoinbus della Provincia di Lecce è terminato il 5 settembre lasciando a piedi non solo i turisti ma anche i vacanzieri salentini che lo usano per spostarsi in lungo e in largo nel a penisola salentina.

Stop. Basta corse, a lanciare l’allarme, la scorsa settimana i rappresentati di balneari. Ieri è toccato a Silvia Pispico, presidente dell'associazione Oltre il Vento.

«È inammissibile che da ieri, domenica, non ci siano bus e treni della Sud-Est. Il nostro territorio dobbiamo valorizzarlo e tutelarlo. Nel mese di settembre - prosegue - sono ancora operative le attività balneari e di conseguenza vi sono tante persone che dovrebbero usufrire dei mezzi di trasporto pubblici ai fini lavorativi e turistici. Privare anche il salentino nel poter muoversi nel territorio evitando di usare la propria autovettura è altrettanto deprimente». Agli amministratori il compito «di garantire i servizi».

E se quest’anno è stato praticamente un miracolo attivare il servizio a causa delle ristrette risorse della Provincia dopo la riforma Delrio, si spera di riuscire il prossimo anno a implementare il servizio e migliorarlo. «A ottobre farò una riunione e chiederò alla Regione che ci dia qualche soldo per allungare il periodo del servizio», ha annunciato Renato Stabile, consigliere con delega ai trasporti per la Provincia. Cinquemila euro e 56 pullman da luglio a settembre sulle strade della provincia con otto pullman che sono stati aggiunti - gratuitamente - sulla tratta Lecce-Leuca passando per i comuni di Porto Cesareo e Gallipoli. La speranza di Stabile è quella di poter far partire il servizio il 15 giugno e farlo terminare il 15 di settembre, iniziando prima e finendo dopo. «Quanto servirebbe? Circa 50mila euro se i Comuni sistemassero le pensiline alle fermate consentendo all’utenza di non attendere il passaggio del bus sotto il sole. In alternativa se dovessimo fare noi questi lavori, potremmo cavarcela con 150mila euro». Ma i numeri parlano chiaro e saranno presentati nei prossimi giorni in una conferenza stampa: «abbiamo superato - ha garantito Stabile - i 430mila utenti dello scorso anno». Un servizio di collegamento che non è utilizzato solo dai turisti, ha detto il consigliere provinciale, ma anche da chi va a lavorare nei vari comuni della Provincia.

«Quest’anno abbiamo già migliorato la possibilità di effettuare il biglietto, sia tramite smarphone che on line, a fronte di prezzi per il trasporto molto bassi». Che il servizio sia utilizzato non ha dubbi il capogruppo del Pd a Palazzo Carafa Paolo Foresio, ma «è inaccettabile che sia terminato in un periodo in cui il turismo è ancora molto forte. È inaccettabile che la Provincia, anche di concerto con la regione, non si coordinino per allungare il servizio. Credo che uno sforzo in più sia indispensabile - ha dichiarato Foresio - Anche perché Salentoinbus è stato pensato in un momento in cui il Salento iniziava ad esplodere, oggi siamo arrivati ad uno dei punti più alti di forza ed è necessario lavorare per migliorare il servizio. Speriamo sia l’ultimo anno - ha concluso Foresio - che ci ritroviamo a commentare un tale disservizio».


Data: 07/09/2015.   Fonte Notizia: Francesca Sozzo, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento