Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

I BALNEARI IN PIAZZA CON GLI OMBRELLONI: LIDI APERTI TUTTO L'ANNO

Nel mirino la rimozione stagionale delle strutture.
 

Clicca per ingrandireCi hanno creduto fino alla fine. Con tanto di ombrelloni, fischietti e magliette di salvataggio hanno attraversato la città per arrivare fino alla sede della Sovrintendenza per protocollare la loro richiesta: mantenere le strutture funzionali per tutto l’anno.

È la protesta dei balneari che ieri mattina hanno simbolicamente trasformato piazza Sant’Oronzo in uno stabilimento balneare per rivendicare il diritto di lavorare e offrire servizi ad un territorio che anche quest’anno ha registrato numeri da capogiro. La speranza dunque, che Sovrintendenza conceda la sospensione del provvedimento di smontaggio dei lidi dal 1 novembre al 31 marzo, anche perché secondo l’ordinanza della Regione Puglia la stagione balneare “dura l’intero anno solare per l’esercizio delle attività commerciali e di quelle accessorie” e soprattutto perché in una nota (protocollo numero 464 del 13 gennaio 2015) a firma del Capo dell’ufficio Legislativo del Mibac indirizzata la Sovrintendente ad interim di Lecce, Maria Piccarreta, si afferma che “sembra possibile consentire una proroga eccezionale delle autorizzazioni in corso finalizzata ad impedire, per la stagione invernale in corso, lo smontaggio degli impianti...”. Speranze, dunque, possibilità affinché «l’impresa balneare da precaria diventi un’impresa stabile - ha dichiarato il presidente Mauro Della Valle, Federbalneari Salento - Ci sono le condizioni perché è arrivata anche la maturità dell’imprenditore balneare di fungere da sentinella dell’ambiente». Insomma un’opportunità che, sperano i balneari, «la Sovrintedenza deve cogliere per questo territorio con un Piano paesaggistico, con un piano colore e di arredi ma che ci dia la possibilità di lavorare altrimenti crediamo ormai che ci sia un complotto per far affondare il Salento».

Il corteo guidato da Della Valle, dal vice presidente di Federbalneari Giuseppe Mancarella, dal presidente regionale di Federbalneari Salvatore di Mattina, dal presidente di Laica Roberto Fatano e gli avvocati del sindacato, ha attraversato le strade principali della città attirando l’attenzione e la curiosità di quanti ieri mattina erano in giro a Lecce. «Non comprendiamo - ha dichiarato Di Mattina - perché dobbiamo smontare i lidi per quattro mesi all’anno quando lasciarli montati avrebbe un impatto paesaggistico minore. Il turismo balneare è un volano importante per l’economia e rappresenta circa il 70% dello sviluppo turistico della Regione. Abbiamo necessità - ha proseguito - di garantire i servizi se vogliamo lavorare anche con gli stranieri. Siamo sicuri - ha annunciato - che riusciremo a risolvere questo problema con l’aiuto della prefettura».

Proprio la Prefettura infatti rappresenta l’istituzione che più di ogni altra ha messo il suo impegno per la risoluzione del problema. «Il prefetto Claudio Palomba - ha ricordato Della Valle - ha detto che la politica in questo campo è stata superficiale e non è stata in grado di fare squadra perché questo territorio può vivere di turismo».

Dritti alla meta, dunque sebbene nel pomeriggio poi dalla Sovrintendenza non siano arrivate risposte positive. Il desiderio? «Se dobbiamo smontare i lidi che danneggiano il territorio dovremmo smontare anche le case estive che d’inverno non sono fruite - ha aggiunto provocatoriamente Della Valle - Vorremmo mangiare il panettone in riva al mare e un piatto di spaghetti a dicembre nei nostri stabilimenti balneari». Tanto più che ora con la settimana corta introdotta nelle scuole i lidi durante l’inverno il sabato possono diventare luogo di socialità e incontro. La speranza è nell’incontro di domani in Prefettura.


Data: 28/10/2015.   Fonte Notizia: Francesca Sozzo, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento