Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

«LECCE, VINCIAMO PER I NOSTRI TIFOSI»

L'esterno offensivo sarà in campo nel big match con la Casertana: purtroppo, sugli spalti ci sarà un vuoto.
 

Clicca per ingrandireAl Lecce non manca certamente la velocità. Mentre il mercato invernale ha regalato a Braglia l’ex clivense Ali Sowe, il tecnico toscano ha da poco ritrovato anche la verve di Abdou Doumbia. Domenica scorsa, contro la Juve Stabia, ha raccolto la rimessa con le mani di Legittimo e bruciando sullo scatto il diretto avversario è arrivato sul fondo da dove ha servito l’assist a Surraco per la rete dell’1-0 per il Lecce.

«È il frutto del lavoro che facciamo durante la settimana - spiega l’esterno offensivo parigino -. Io sono veloce e devo attaccare gli spazi, come ho fatto domenica. Ora però penso alla prossima partita e possibilmente a ripetermi. Perché il Lecce ha bisogno di tutti per restare ai vertici della classifica». Dopo aver mandato l’uruguaiano, Doumbia ci ha provato anche con Moscardelli e sempre con il solito cliché: fuga sulla fascia e cross per il compagno, la cui rovesciata però non ha avuto la sorte sperata.

Per Doumbia è stata certamente una delle migliori prestazioni di una stagione vissuta tra alti e bassi. «Anche il mister mi sprona ad essere più continuo - rivela -, quando ho giocato purtroppo non sempre ero al cento per cento. Ma il mister ha voluto utilizzarmi ugualmente fino a quando non ha deciso di far giocare altri: è giusto perché alla fine conta il bene della squadra». E contano i gol, soprattutto. Il Lecce dalle sue bocche di fuoco ha ricevuto pochissimo. Doumbia è fermo ad una sola rete, quella di Catanzaro, che si rivelò peraltro inutile. «L’importante è che la squadra vinca e arrivi fino in fondo — dice il parigino con estrema franchezza. L’anno scorso sono arrivato a nove reti, purtroppo però non sono bastate neppure per centrare l’obiettivo minimo stagionale ossia la qualificazione ai play off. Due stagioni fa, invece, ho segnato solo una rete e il Lecce è arrivato in finale play off. Ecco, rinuncerei volentieri a segnare pur di arrivare dove tutti vorremmo».

Sabato sera al “Pinto” c’è la sfida contro la Casertana, la regina del girone C. «Se è in vetta un motivo ci sarà - commenta -, vuol dire che sono i più forti, ma noi non siamo inferiori. E poi non credo che la Casertana sia la più forte del girone, ne sono convinto. Al Via del mare vidi una squadra molto organizzata, ma sabato sarà diverso perché adesso c’è in palio qualcosa di importante. Questa è l’occasione giusta per misurare le forze, o credo che se ognuno di noi dà il cento per cento siamo tra le squadre più forti del campionato, senza essere presuntuoso. Sappiamo che ci attende una partita importantissima, ma questo vale anche per loro. Se vinciamo ci portiamo ad un punto, se perdiamo... Dobbiamo pensare a vincere sennò quanto abbiamo fatto contro la Juve Stabia non ha valore».

Al “Pinto” il Lecce affronterà i “falchetti” senza sostenitori al seguito. Doumbia allarga le braccia mostrando tutto il suo dispiacere: «Ho letto la notizia, so che ai tifosi del Lecce è stata vietata la trasferta - conclude -. Mi spiace moltissimo perché per noi sarà una partita ancora più difficile, ma faremo di tutto per regalare loro una vittoria».


Data: 29/01/2016.   Fonte Notizia: Tonio De Giorgi, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento