Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

«IL FORFAIT DEL GUARDALINEE HA CONDIZIONATO IL LECCE»

Intervista di Lino De Lorenzis al presidente Saverio Sticchi Damiani.
 

Clicca per ingrandireL. D.L.: Presidente Sticchi Damiani, è soddisfatto del pareggio conquistato dal Lecce sul campo della Casertana?

S. S.D.: «Come potrei non esserlo, i ragazzi hanno giocato una delle migliori partite della stagione. E sono convinto che se non ci fosse stato l’intoppo dell’ultima mezz’ora, giocata purtroppo senza la presenza dei due guardalinee ufficiali, il match probabilmente avrebbe avuto un epilogo diverso».

L. D.L.: Intende dire che il Lecce avrebbe potuto portare a casa l’intera posta in palio?

S. S.D.: «Certamente, i ragazzi hanno dato dimostrazione di stare bene fisicamente e mentalmente, hanno tenuto sempre in mano le redini del gioco evidenziando grande personalità. Aspetto peraltro che avevo già sottolineato in passato. Però capisco che giocare senza assistenti di linea inevitabilmente diventa un handicap per chi sta in campo perché in quei casi basta un piccolo errore, una banale distrazione per compromettere una grande prestazione. Ecco perché siamo soddisfatti del punto conquistato contro la capolista e per giunta su un campo difficile per qualsiasi avversario».

L. D.L.: Qual è la sua opinione sulla scelta del direttore di gara di applicare la norma in vigore proseguendo la partita con l’assistenza di due tesserati, uno per ciascuna squadra?

S. S.D.: «Mi permetta di porre un quesito: cosa sarebbe accaduto se un episodio analogo a quello di sabato sera si fosse verificato in occasione della penultima o addirittura dell’ultima giornata di campionato? È corretto giocare una gara tra due rivali nella corsa per la promozione senza l’ausilio dei guardalinee? Penso proprio di no. Mi rendo conto che il direttore di gara non ha fatto altro che applicare la norma in vigore, e tra l’altro devo fargli i complimenti per la sicurezza con la quale ha gestito l’ultima mezzora di gioco, però a parer mio è inconcepibile che nel 2016 accadano ancora queste cose. Ed è assurdo che in Lega Pro non sia prevista la figura del quarto uomo la cui presenza sabato sera a Caserta avrebbe risolto ogni problema nel momento in cui l’assistente Meozzi si è infortunato. Vede, siamo rammaricati perché tutto questo è accaduto proprio nel momento migliore del Lecce. Che peccato».

L. D.L.: Presidente, cosa ha apprezzato di più del Lecce contro la Casertana?

S. S.D.: «Tante cose, ripeto il Lecce mi è paciuto moltissimo. Ho apprezzato ad esempio lo spirito con il quale la squadra ha affrontato la capolista; poi mi è piaciuto il modo di stare in campo dei ragazzi che hanno applicato alla perfezione il modulo con le tre punte adottato nelle ultime settimane da mister Braglia. E aggiungo pure la condizione atletica: già contro la Juve Stabia la squadra aveva destato una buona impressione sotto l’aspetto della tenuta e a Caserta, contro la prima della classe, è riuscita a fare anche meglio costringendo gli avversari a restare nella propria metà campo per tutta la durata del secondo tempo. Diciamo che ci sono tutte le condizioni per giocarci le nostre chance di promozione fino alla fine e sono certo che il mister e i ragazzi faranno il possibile per non avere rimorsi in coda».

L. D.L.: A proposito, per Braglia la vera prova di maturità sarà quella di sabato prossimo contro il Martina Franca...

S. S.D.: «Concordo con il nostro allenatore, sono proprio le partite sulla carta abbordabili a fare la differenza nell’arco di un’intera stagione. Noi di sicuro fin qui abbiamo lasciato qualche punto per strada, come ad esempio a Rieti contro la Lupa, ma è chiaro che d’ora in avanti bisognerà fare punti pesanti anche contro le formazioni di bassa classifica. Approfitto dell’occasione per rivolgere un appello ai tifosi leccesi: per battere il Martina Franca i ragazzi avranno bisogno del calore dei propri tifosi, di conseguenza spero che al “Via del Mare” vengano in tanti a tifare per il Lecce».

L. D.L.: Ha parlato dei tifosi: sabato, a Caserta, nonostante il divieto imposto dal Prefetto, c’era un buon numero di supporter leccesi i quali, non essendo residenti in Puglia, hanno potuto acquistare regolarmente il tagliando d’ingresso...

S. S.D.: «Guardi, questo è un aspetto che mi rattrista molto. Le riferisco solo ciò che è successo nel momento in cui, scortati dalle forze dell’ordine, i nostri tifosi hanno attraversato il terreno di gioco per raggiungere il settore riservato agli ospiti; i supporter della Casertana li hanno applauditi e incoraggiati a dimostrazione che tra le due tifoserie non c’è alcun attrito. Durante la settimana avevamo anche proposto di mettere a disposizione i nostri steward, a spese del Lecce calcio, pur di consentire l’accesso ai tifosi leccesi ma non è servito».



Data: 01/02/2016.   Fonte Notizia: Lino De Lorenzis, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento