Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cultura

«GARANZIA GIOVANI: LA REGIONE SBLOCCA I SOLDI PER GLI STAGISTI»

Liberati i pagamenti per i tirocinanti ch ehanno aderito...
 

Clicca per ingrandireLiberati i pagamenti per i tirocinanti che hanno aderito al programma Garanzia Giovani Puglia. Almeno per quel che riguarda il secondo bimestre, giacché fìnora sono state tantissime e testimonianze di stagisti che non hanno mai ricevuto nessuna indennità.

A quanto pare, però, le proteste dei giorni scorsi, anche sotto il palazzo del governo regionale, sono servite a smuovere le acque e ad accelerare le procedure burocratiche che consentiranno a breve termine di liquidare le somme previste per i giovani che stanno svolgendo o hanno addirittura già finito il tirocinio. È, infatti, del 29 gennaio scorso - ma pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia il 4 febbraio - la determina del dirigente dell'Ufficio Politiche del Lavoro con la quale si riconosce «il diritto alla erogazione della indennità di partecipazione al secondo bimestre di attività formative, per un importo complessivo pari a 188mila euro».

Allo stesso tempo, la determina autorizza l’Inps al pagamento dell’indennità di partecipazione relativa al secondo bimestre, nei limiti delle risorse disponibili, comunicando, tramite il sistema informativo percettori e secondo le modalità definite in convenzione, i nominativi dei soggetti e l’importo del trattamento economico come riportati nell’allegato alla determina. Sempre nella determina sono individuati 212 nominativi quali destinatari dell’indennità prevista dai programma, vale a dire 450 euro mensili. Ma dalla Regione assicurano che sono state istruite complessivamente 852 pratiche che saranno evase in questi giorni per consentire il pagamento delle indennità a 789 tirocinanti.

«Avevamo assicurato tutto il nostro impegno e così è stato -ha commentato soddisfatto l’assessore alla Formazione e alle Politiche del Lavoro, Sebastiano Leo-. Gli uffici hanno lavorato e lavorano alacremente per accelerare al massimo l'erogazione dei pagamenti destinati ai tirocinanti nell'ambito del programma Garanzia Giovani: avevamo assunto un impegno e stiamo cercando di onorarlo nel migliore dei modi. Del resto, a confermarlo sono i numeri: gli uffici hanno sino ad oggi istruito complessivamente 2.863 pratiche di erogazione dell’indennità ed è stato autorizzato il pagamento per 2.347 tirocinanti. Quanto al secondo bimestre, l'amministrazione regionale ha istruito complessivamente 852 pratiche di erogazione dell’indennità e autorizzato il pagamento per 789 tirocinanti. Le criticità, dunque, sono state ridotte considerevolmente - ha concluso Leo -, grazie all'impegno e allo spirito di servizio della struttura: un'azione, quindi, che mi aggrada e per la quale esprimo soddisfazione.

Nonostante lo sblocco dei primi pagamenti, i gruppi di denuncia fioriti in questi mesi soprattutto su Facebook continuano a lamentarsi e a mettere in piazza tutte le debolezze di un programma che non è riuscito a camminare velocemente. Le difficoltà portate a galla dai ragazzi sono state ammesse dallo stesso Ministero del Lavoro, che ha spiegato, ancora una volta, come i disagi siano legati ai controlli da effettuare sui pagamenti, in quanto si tratta di finanziamenti europei. Per questa ragione, allo studio del ministero c’è la possibilità che le imprese anticipino l’indennità ai tirocinanti. Ma resta da capire se le aziende accetteranno di sobbarcarsi questo onere. Nel frattempo, i pagamenti devono affrontare una trafila burocratica, che è molto farraginosa. L’azienda trasmette i documenti alla Regione. La Regione fa i controlli, compila le liste dei soggetti che hanno diritto all’indennità e trasferisce i dati all’lnps. L’Inps verifica che non ci siano anomalie e poi dispone il pagamento. Insomma, le Regioni devono effettuare una serie di controlli che comportano una dilatazione dei tempi. Controlli necessari in quanto si parla di risorse comunitarie.

Al momento, in Puglia, sembra che la fase più critica sia stata superata e che i soldi presto saranno nelle tasche dei giovani tirocinanti.

M.C.M


Data: 09/02/2016.   Fonte Notizia: Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento