Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

DIKTAT ABRUZZESE: LECCE, A MONOPOLI E' VIETATO SBAGLIARE

Il punto confermato dalla Corte Federale d’Appello fa bene alla classifica, come ha detto il presidente onorario Saverio-Sticchi Damiani, ma anche al morale della squadra.
 

Clicca per ingrandireIl punto confermato dalla Corte Federale d’Appello fa bene alla classifica, come ha detto il presidente onorario Saverio-Sticchi Damiani, ma anche al morale della squadra. In questo scorcio finale di campionato anche il punticino conquistato con il Melfi può pesare come un macigno e una sentenza diversa avrebbe potuto avere effetti negativi sulla squadra giallorossa.

«Non ci aspettavamo proprio il reclamo presentato dalla Casertana - dice con grande sincerità Giuseppe Abruzzese, uno dei calciatori di maggiore esperienza della squadra allenata da Piero Braglia -. La partita, dopo l’infortunio dell’assistente dell’arbitro andò avanti senza grossi intoppi. Anzi, per come si stavano mettendo le cose dopo il pareggio realizzato da Surraco penso abbia penalizzato più noi. Poi però abbiamo appreso la notizia del ricorso presentato dai campani e siamo rimasti tutti un po’ sorpresi. È stata una chiara dimostrazione di voler fare cassa muovendo la propria classifica anche attraverso la giustizia sportiva. Non lo considero un comportamento carino, però ognuno ha il proprio modo di essere e sceglie la propria strada da percorrere. Spero, comunque, sia acqua passata e si ritorni a parlare solo di calcio».

Il girone meridionale di Lega Pro si sta rivelando interessante, la lotta per il primo posto è aperta a ben cinque squadre raccolte nel giro di tre punti. «È un bel campionato, avvincente - osserva Abruzzese -, un girone in cui bisogna fare i conti anche con le inseguitrici, sono tutte clienti difficili». E dove la coda della classifica si muove spaventosamente. Ne sa qualcosa il Lecce che stava per rimanere a secco grazie ad un imprevedibile Melfi.

«Anche le squadre che lottano per non retrocedere danno filo da torcere. Ne abbiamo avuto prova noi, purtroppo, ma anche per il Benevento a Catanzaro non è stato facile. Oppure guardate al Catania: non riesce ad uscire da una situazione complicata. Insomma, è un campionato difficile, bello e incerto sia per quanto riguarda la zona alta della classifica che per la zona play out dove si lotta per conservare un posto in Lega Pro». Il pareggio contro il Melfi deve essere considerato un campanello d’allarme, che rimarca le difficoltà di questo campionato e avverte che nell’ultima fase della stagione ogni errore può costare caro. «Ci aspettavamo qualcosa di diverso contro i lucani, immaginavamo una partita diversa - rivela -. Ecco perché c’era molta delusione a fine partita. Però bisogna cogliere i lati positivi della partita disputata domenica scorsa. Ora sappiamo di avere una partita difficile a Monopoli, ma siamo consapevoli dell’importanza che riveste questo incontro per il nostro futuro». Già al Via del mare, il Monopoli si rivelò un osso duro: solo una punizione di Moscardelli consentì ai giallorossi di portare a casa l'intera posta in palio. «È una squadra tosta, fisica. Contro il Benevento i biancoverdi hanno disputato un’ottima gara e dopo quella sconfitta interna si sono rifatti raccogliendo quattro punti in due partite esterne consecutive. Sono in salute, non c'è dubbio, ma per noi è una finale e la affronteremo come tale. Non so che ambiente troveremo, non ho mai giocato contro il Monopoli, ma a prescindere da come ci accoglierà il pubblico non dobbiamo assolutamente farci condizionare da fattori esterni nell’approccio alla partita».

A Monopoli ora Abruzzese ci va da avversario mentre l’estate scorsa è stato vicino ad indossare la maglia biancoverde. «È vero, tra le squadre interessate a me c’era anche il Monopoli - ammette il difensore nativo di Andria -. Io ero fuori rosa ma la mia priorità è stata sempre il Lecce, ero fiducioso che la mia situazione si potesse sbloccare. Posso dire che la mia testardaggine è stata premiata».


Data: 10/03/2016.   Fonte Notizia: Tonio De Giorgi, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento