Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

CHIESE APERTE TRE GIORNI PER I TURISTI DI PASQUA. IL COMUNE: PAGHIAMO NOI

Capita, purtroppo, ogni giorno di trovarsi davanti a portoni sbarrati che conservano i gioielli del Barocco leccese.
 

Clicca per ingrandireCapita, purtroppo, ogni giorno di trovarsi davanti a portoni sbarrati che conservano i gioielli del Barocco leccese. Inaccessibili nelle ore di pranzo con turisti costretti a restare fuori e ammirare solo le facciate delle chiese. Portoni sbarrati, perché? Mancano le risorse. E non bastano le “donazioni” dei fedeli, con la Curia che già deve affannosamente cercare di trovare le risorse per rimettere in piedi i vecchi gioielli che subiscono il passare del tempo.

Allora non resta che sperare in una soluzione. La strada da percorre potrebbe essere quella dell’utilizzo della tassa di soggiorno come ipotizzato dall’assessore ai Tributi Attilio Monosi. E dato che la volontà da parte del comune esiste perché non tradurla in un protocollo d’intesa? La proposta arriva dal consigliere di Lecce 2017 Roberto Martella presidente della commissione Cultura che ha convocato per oggi gli assessori Luigi Coclite (Cultura), Attilio Monosi (Tributi e Bilancio) e il dirigente dell’ufficio Cultura Nini Elia.

«Sono 18 anni che faccio il consigliere al comune di Lecce - commenta Martella - e ogni anno in questo periodo si torna a parlare dello stesso problema. L’idea è un protocollo d’intesa tra Comune e Curia per cercare un’intesa affinché restino aperte le chiese del centro storico».

Secondo Martella è impossibile che una città come Lecce, che ha percorso anche la strada della candidatura a Capitale della Cultura «si presenti ai suoi turisti con le chiese chiuse - prosegue il presidente - Sono in tanti quelli che vengono in vacanza in città e si registra anche il turismo religioso. Lecce ha queste bellezze che devono poter essere fruite da tutti». Un protocollo, dunque, «che possa rinnovarsi tacitamente di anno in anno, a meno che una delle due parti non cambi idea», dice Martella, potrebbe essere lo strumento ideale per risolvere il problema una volta per tutte.

La commissione di oggi dunque servirà a comprendere se ci siano o meno le risorse economiche per avviare un simile confronto con la Curia, per capire se sussistano dei problemi ostativi o meno. A tendere la mano alla Curia nei giorni scorsi era stato l’assessore Monosi, tirato per la giacchetta anche dal consigliere comunale del Partito Democratico Antonio Rotundo. A stretto giro la richiesta del vescovo della città, monsignor Domenico D’Ambrosio: «Il Comune ci aiuti - ha dichiarato - troviamo insieme le risorse». «Riscontro con piacere l’apertura di sua eccellenza - commenta Monosi - e ribadisco quella del Comune convinto che le chiese siano volano per il turismo e l’economia. E credo che la questione debba essere discussa in una sede opportuna e cioè un tavolo tecnico con l’assessorato alla Cultura, con l’assessorato ai Tributi e Bilancio e la stessa Curia - prosegue Monosi - Per cui passando dai lavori della commissione prenderemo immediatamente contatto con l’assessore Coclite per organizzare il tavolo tecnico».

Intanto proprio l’assessore Coclite nelle scorse ore ha chiesto alla Curia, tramite l’architetetto Giuseppe Fiorillo, di tenere aperte le chiese nei giorni di sabato, domenica e lunedì in concomitanza con le feste pasquali. «Stiamo aspettando la risposta da parte della Curia e capiremo a quanto ammonta l’impegno economico del Comune». Impegno che la scorsa estate Palazzo Carafa ha portato avanti stanziando, dal capitolo di bilancio dell’assessorato al Turismo, 5mila euro oltre ai 10mila messi a disposizione dalla Regione con Puglia Promozione per tenere aperte cinque chiese del centro anche fino alle 23 di sera. E il Comune aveva cercato anche un’intesa con la stessa Curia immaginando di coinvolgere gli studenti dell’università del Salento del corso di Laurea di Beni Culturali per vigilare durante l’apertura delle chiese, operazione che avrebbe consentito all’amministrazione anche di aprire un numero maggiore di chiese. Ma da parte della Curia l’ipotesi è stata scartata perché la volontà è quella di consegnare “le chiavi” delle chiese al solo personale di fiducia della Curia. Nei prossimi giorni dunque potrebbe esserci un primo incontro tra le parti; intanto oggi la discussione approda in commissione.




Data: 24/03/2016.   Fonte Notizia: Francesca Sozzo, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento