Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

CINQUE CARTE PER TORNARE A CORRERE

Curiale, Caturano, De Feudis, Liviero e Lo Sicco: ecco la soluzione per ridare brillantezza al Lecce.
 

Clicca per ingrandireQual è la maniera migliore per centrare l’obiettivo dei play off? Ci sta pensando da giorni Piero Braglia che non ha nessuna voglia di lasciarsi prendere dallo sconforto dopo aver visto svanire il sogno della promozione diretta in serie B.

Il tecnico toscano sa bene che c’è ancora un’altra strada che consente il salto di categoria e intende percorrerla fino in fondo insieme con i suoi ragazzi che in questo momento non hanno più la brillantezza di un mese fa. Un calo - fisico e mentale - anche naturale dopo la lunga cavalcata durata circa quattro mesi in cui il Lecce ha scalato la classifica partendo dalla dodicesima posizione fino a giungere alla seconda. Ora è terzo e nelle restanti tre partite della stagione regolare dovrà darsi da fare per difendersi dall’attacco di Casertana e Cosenza che puntano ad entrare nella griglia dei play off.

E allora, come fare per restituire alla squadra quella verve utile per allungare la stagione fino alla metà di giugno? Oltre a lavorare su alcuni aspetti tattici che di recente il Lecce ha un pò dimenticato, il tecnico Braglia a partire dalla gara di domenica contro la Paganese potrebbe ricorrere a forze nuove potendo contare su una vasta scelta di uomini in termini di esperienza e qualità. Una volta fugati tutti i dubbi sulle condizioni di salute di Filippo Perucchini, la cui indisponibilità comunque non ha rappresentato un grande problema per il Lecce alla luce delle buone prestazioni offerte da Marco Bleve contro Akragas e Messina e in precedenza anche contro l'Ischia, l’allenatore toscano potrà cominciare a prendere in esame la possibilità di affidare ruoli chiave ad altri interpreti. In attacco ad esempio oltre al recupero di Juan Surraco, assente a Messina per un attacco influenzale e comunque bisognoso di rifiatare, probabilmente è arrivato il momento di caricare di responsabilità anche Davis Curiale e Salvatore Caturano. Che non sono certo gli ultimi arrivati. Entrambi sono animati da una grande voglia di far bene, soprattutto il primo scottato dopo l’esclusione dalla lista dei convocati per la trasferta in terra siciliana.

Anche in mezzo al campo Braglia potrebbe dare spazio a elementi meno spremuti rispetto a quelli fin qui impiegati con una certa continuità. Le cadidature sono tante a cominciare da quella di Giuseppe De Feudis, un centrocampista che fino a pochi mesi fa giocava titolare, e con la fascia di capitano al braccio, con la maglia del Cesena, in serie A. Così come lo stesso Fabrizio Lo Sicco che nessuno conosceva da queste parti prima del suo debutto da titolare contro l’Akragas in cui è risultalo tra i migliori in campo. Tra l’altro, a differenza dei vari Stefano Salvi e Romeo Papini e dello stesso De Feudis, Lo Sicco ha anche un ottirno feeling con il gol. Una ragione in più per dargli nuovamente fiducia.

Un’altra chance la meriterebbe anche Matteo Liviero la cui freschezza potrebbe risultare decisiva in questa fase della stagione in cui comincia ad affiorare la stanchezza.

Dunque, Curiale, Caturano, De Feudis, Lo Sicco e Liviero, un pokerissimo per ridare forza al Lecce nello sprint decisivo per l’accesso ai play off.


Data: 20/04/2016.   Fonte Notizia: Lino De Lorenzis, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento