Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

LECCE, CON IL MESSINA L'OCCASIONE DEL RISCATTO

L’azione migliore nella triste serata del “Via del Mare, il tecnico del Lecce, Pasquale Padalino, l’ha compiuta a fine partita nella sala stampa “Sergio Vantaggiato”.
 

Clicca per ingrandireL’azione migliore nella triste serata del “Via del Mare, il tecnico del Lecce, Pasquale Padalino, l’ha compiuta a fine partita nella sala stampa “Sergio Vantaggiato”. Rispondendo, con il solito garbo, alle domande dei cronisti sulla disfatta della sua squadra, il responsabile tecnico della formazione giallorossa ha detto con fermezza: «Abbiamo perso, l’abbiamo fatto pure male ma ora però non dobbiamo farne un dramma. Il campionato continua e martedì abbiamo già la possibilità di riprendere la marcia interrotta bruscamente contro il Matera».

Una coraggiosa ammissione di colpa e al tempo stesso una grande voglia di tornare subito in campo per cancellare quello che di fatto resta l’unico neo di un cammino fin qui ricco di gioie (tante) e di dolori (pochi). Perché, è giusto dire, mai nessuno fin qui era riuscito nell’impresa di mettere sotto il Lecce sul piano tecnico e tattico. Neanche il Catania che pure si era imposto per 2-0 al termine di una gara sempre condotta però da Lepore e compagni. Lo 0-3 di sabato quindi può essere archiviato come un incidente di percorso, peccato solo sia giunto nella partita sbagliata. Perché nella storia recente del Lecce gli scontri diretti hanno sempre avuto un peso enorme, c’è da sperare quindi che fino alla fine della stagione regolare i ragazzi di Padalino possano rimediare al passo falso con i lucani.

Va sottolineato il comportamento dei tifosi, in particolare gli ultras che a fine partita hanno a lungo applaudito e incoraggiato i propri beniamini intonando il coro “non non vi lasceremo mai”. Una iniezione di fiducia per il gruppo in vista del tour de force di dicembre in cui il Lecce giocherà cinque partite.

Ora chiaramente c’è bisogno di una pronta reazione a Messina contro una squadra ferita e decisa a vender cara la pelle dopo il pesante kappaò rimediato sul campo del Melfi. Per questa ragione per gli uomini di mister Cristiano Lucarelli, indimenticabile bomber del Lecce di Cavasin (nel suo staff ci sono pure il “sindaco” Alessandro Conticchio e Richard Vanigli), la sfida di domani pomeriggio rappresenta l’occasione del rilancio dopo qualche battuta a vuoto che ha riportato i giallorossi siciliani in piena zona retrocessione. E un altro kappaò potrebbe addirittura costare la panchina al tecnico livornese.

Nel poco tempo a disposizione per preparare questa partita, Pasquale Padalino ha deciso di puntare più sulla testa che sulle gambe dei suoi ragazzi. Anche perché al di là di un lavoro di scarico e una seduta tattica non c’è spazio per fare altro. La missione siciliana è cominciata ieri pomeriggio per il Lecce: i 23 calciatori convocati per questa partita hanno lasciato il Salento in pullman per raggiungere la tappa intermedia di Cosenza dove resteranno fino a questo pomeriggio prima del trasferimento a Messina. Del gruppo fanno parte in ordine di numerazione Bleve, Vitofrancesco, Contessa, Mancosu, Cosenza, Arrigoni, Torromino, Vutov, Lepore, Pacilli, Chironi, Tsonev, Giosa, Freddi, Drudi, Caturano, Vinetot, Maimone, Fiordilino, Gomis, Ciancio, Doumbia e il giovane attaccante Persano. Praticamente tutti i componenti della “rosa” di prima squadra fatta eccezione per il giovane Capristo che invece è rimasto nel Salento.

Alla luce della prestazione contro il Matera e in considerazione dei due impegni di campionato ravvicinati - domani si gioca a Messina e sabato in casa contro la Paganese - c’è da credere che mister Padalino opterà per una formazione diversa rispetto a quella che ha affrontato i lucani. Ad esempio tra i pali si potrebbe rivedere Bleve al posto di Gomis che non ha per niente convinto nelle gare in cui è stato impiegato. Si può dare per scontato il ritorno al centro della difesa di Ciccio Cosenza la cui esclusione contro il Matera ha destato più di qualche perplessità. Non dispone di piedi “educati” però il Lecce non può fare a meno della sua sostanza. Possibile anche il ritorno di Ciancio sull’out mancino. In mezzo al campo Padalino quasi certamente concederà un turno di riposo a Mancosu, in evidente affanno, per far posto al più fresco Tsonev. Infine, in attacco Doumbia potrebbe essere preferito a Torromino pure lui come Mancosu un pò a corto di fiato.

Oggi i giallorossi si alleneranno a Cosenza dopodiché lasceranno la Calabria per raggiungere in serata la Sicilia.


Data: 05/12/2016.   Fonte Notizia: Lino De Lorenzis, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento