Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

TURISMO, UNA STAGIONE D'ORO IN PUGLIA 3,3 MILIONI DI ARRIVI

Puglia turistica a gonfie vele nel 2016 e “rosee previsioni” per il 2017.
 

Clicca per ingrandirePuglia turistica a gonfie vele nel 2016 e “rosee previsioni” per il 2017. È quanto emerge dai dati elaborati dall'Osservatorio del turismo e dalle analisi del centro ricerche di Booking. Nei primi 10 mesi del 2016 sono stati registrati 3,3 milioni di arrivi circa, tanti quanti ve ne furono in tutto il 2015. La crescita degli arrivi è al
6,4 per cento in più, quella delle presenze al 3,2. Un ulteriore elemento di soddisfazione è rappresentato dall’aumento dell’incoming dei turisti stranieri, i quali rappresentano il 23,2 per cento del totale a fronte del 21,8 del 2015. In percentuale rispetto al totale del turisti, l’aumento del flusso degli stranieri è del 13 per cento. In pratica un turista ogni quattro che arriva in Puglia proviene dall’estero.

Gargano e Salento continuano a essere le aree turistiche dominanti, tant’è che accolgono insieme il 57% dell’incoming regionale e il 68% dei pernottamenti dei primi dieci mesi del 2016. Crescite significative sono state registrate anche nelle altre aree turisticamente rilevanti con il Nord Brindisino e la Valle d’Itria e l’area della Magna Grecia.

L’assessore regionale al Turismo, Loredana Capone, ha sottolineato che «i primi dieci anni sono stati anni di “narrazione” della Puglia con una strategia di promozione che ha dato i suoi frutti», ha aggiunto Capone. «Adesso bisogna puntare sul miglioramento dell’accoglienza e dei servizi e su prodotti integrati. L’anno prossimo prevediamo bandi pluriennali che chiameranno i comuni a confrontarsi in una competizione globale con il supporto della Regione e di Pugliapromozione che organizza il gioco di squadra. Questo perché noi crediamo veramente che il turismo possa diventare uno straordinario terreno di occupazione stabile. Il prossimo anno dovremo fare ancora passi avanti nell’accoglienza e nella integrazione dei servizi».

I dati dell’Osservatorio regionale del turismo confermano rispetto al 2015 il ranking dei primi dieci mercati esteri, strategici per la Puglia. La Germania continua a essere al vertice (15,5 per cento degli arrivi stranieri e 24 per cento delle presenze), seguita da Francia (Paese con la più alta percentuale di crescita del 2016, con il 14 per cento di presenze). Regno Unito, Svizzera e Stati Uniti d’America, Francia, Regno Unito, Polonia, Svizzera e Paesi Bassi.

Nel complesso il 2016 ha visto crescere i mercati dell’Europa dell’Est (Croazia, Grecia, Lituania, Bulgaria, Ucraina, Slovacchia) insieme ai mercati long-haul quali Cina, Corea del Sud, Australia e Argentina. In forte ripresa gli arrivi degli spagnoli dovuti anche al doppio collegamento da Bari e Brindisi con Barcellona. I collegamenti aeroportuali sono fondamentali per la crescita di arrivi e presenze straniere.

Un altro elemento che dà l’idea anche della crescita della qualità dell’accoglienza è rappresentato dal fatto che l’offerta ricettiva è aumentata del +9,7 nei primi dieci mesi del 2016, in particolare nel segmento luxury (5 Stelle Lusso e 5 Stelle), mentre si è ridotto il numero di hotel da 1 a 3 stelle. Nel settore extralberghiero cresce la quota di agriturismi, case e appartamenti per vacanze e B&B. I posti letto ufficiali censiti nelle varie tipologie (alberghi, B&B, casa sper ferie, case vacanza) sono 279.500 cosi suddivisi: 97.091 negli alberghi; 182.408 nel settore extra alberghiero (affittacamere, campeggi e B&B, case vacanza, ostelli villaggi turistici).

Per il direttore di Puglia Promozione, Paolo Verri, «passare dal 21,8% al 23,2% di internazionalizzazione è un dato che ci sta molto a cuore. L’obiettivo di lungo termine è quello di raggiungere la media nazionale; sappiamo che è ancora lontana, ma stiamo facendo un percorso che, mese dopo mese, non solo anno dopo anno, ci avvicina alla meta».

Le rosee previsioni per il 2017 sono collegate al fatto che «la Puglia si presenta come occasione di viaggio che diventa avventura ed esperienza in luoghi meno conosciuti e poco affollati». In base alle analisi del centro ricerche di Booking, il 36% dei viaggiatori nel 2017 ha intenzione di viaggiare più green che nel 2016 e 2 persone su 5 vorrebbero fare un’esperienza di viaggio eco-friendly. E ancora i viaggiatori pensano a un «viaggio detox per staccarsi dalla routine, dall’iper connettività, dall’alimentazione fast e junk, e dalla frenesia quotidiana». La Puglia presenta tutte queste caratteristiche e quindi è ricercata dai viaggiatori «in cerca di autenticità e benessere».


Data: 22/12/2016.   Fonte Notizia: Oronzo Martucci, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento