Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

GRAN LAVORO PER MARAGLIULO NEL LECCE RESTA L'EMERGENZA

Contro il Rende, i giallorossi dovranno fare a meno degli infortunati Costa Ferreira e Ciancio e dello squalificato Di Piazza.
 

Clicca per ingrandireLe dimissioni di Roberto Rizzo sono state già una prima scossa alla squadra attesa, comunque, da quella che più conta: la risposta sul campo alla netta sconfitta di Catania, che non ha fatto perdere di vista l’obiettivo promozione, siamo solo all’inizio, ma ha ridimensionato un pò il tasso tecnico della squadra leccese.

Da qualche parte si troveranno le ragioni per cui il tecnico di San Cesario ha riposto sul tavolo della dirigenza un progetto disegnato e ricalcato nei giorni seguenti la bella prova di Alessandria, che aveva segnato la fine dell’inseguimento alla serie B. Ragioni di cui forse sono a conoscenza i calciatori, comunque chiamati ad espiare le proprie colpe per una partita, quella del “Massimino”, preparata in un certo modo e sviluppata nella maniera più tetra. Comunque, anche senza le dimissioni di Rizzo, l’aria sarebbe stata oppressiva, tipica ormai di una piazza che vive, a torto o a ragione, in maniera esasperata, le prove della formazione leccese; ogni vittoria sembra il treno giusto per andare direttamente in B, ogni passo falso, o anche mezzo, rappresenta un deragliamento che preclude qualsiasi obiettivo. In sei stagioni, la storia di questo campionato ha insegnato che ci vuole innanzitutto un ambiente unito, ma soprattutto positivo.

Non far pesare alla squadra qualche errore che pure ci può stare in avvio di stagione a patto, però, che la formazione leccese dimostri presto di aver compreso la lezione e quali sono le formule da applicare in un campionato spesso poco decifrabile. Deprimere ancora di più una squadra alla ricerca della migliore condizione atletico-tattica non sarebbe una buona premessa per ripartire dopo il pesante kappaò di Catania.

Nulla è ancora perduto. La società e il direttore sportivo Meluso sono alla ricerca di un tecnico cui affidare la squadra. Anzi, il tempo dei colloqui è finito, ora si attendono risposte.

Nel frattempo bisogna ripartire e stringersi attorno alla squadra affidata a Primo Maragliulo, tecnico pro tempore, che deve assicurare il pieno di punti contro il Rende. Il compito dell’allenatore leccese, fino a sabato scorso vice di Rizzo, è principalmente quello di dare autostima ad una squadra, le cui conoscenze, quelle acquisite in questi mesi, sono state un pò oscurate da alcuni passaggi a vuoto durante queste prime tre partite di campionato.

Rispetto ad una settimana fa Maragliulo deve fare i conti anche con qualche problema fisico di Ciancio per non parlare di Costa Ferreira che va verso un’altra defezione. Ma partiamo da Ciancio: il difensore giallorosso non ha cominciato la settimana in maniera regolare; non si allena con i compagni, ma potrebbe tornare in gruppo già oggi e sciogliere quello che è uno dei dubbi di Primo Maragliulo. Non dovesse dare garanzie adeguate il tecnico leccese al suo posto si giocherà il jolly Lepore in passato già utilizzato come laterale destro di difesa.

E veniamo al centrocampo: ciò che in questo inizio di campionato ha pesato maggiormente è stata l’utilizzo parziale di Costa Ferreira, il quale continua a sottoporsi a terapie per un problema ad una gamba. È un calciatore che in questo campionato fa la differenza: una dimostrazione della sua importanza si è avuta nel finale della partita contro la Virtus Francavilla quando con il Lecce ancora in vantaggio il portoghese colpì un palo; fosse entrato quel pallone avrebbe chiuso l’incontro. E poi anche contro il Trapani Rizzo lo spedì in campo nello scorcio finale di partita per addomesticare le giocate di un avversario alla ricerca del pareggio. Anche contro il Rende si dovrà fare a meno di Costa Ferreira. Per fortuna Caturano si è aggregato subito al gruppo altrimenti l’attacco avrebbe perso ancora più consistenza, non bastasse già l’assenza di Di Piazza.


Data: 14/09/2017.   Fonte Notizia: Tonio De Giorgi, Nuovo Quotidiano di Puglia

www.info-salento.it                                         <<  torna indietro

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento