Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

UNIVERSITA', AMPLIATA LA NO TAX AREA: UN TERZO NON PAGHERA'

Circa 6mila studenti dal prossimo anno accademico non pagheranno le tasse universitarie.
 

Clicca per ingrandireCirca 6mila studenti dal prossimo anno accademico non pagheranno le tasse universitarie. La misura è ufficiale dopo l’approvazione definitiva di ieri del Cda dell’Ateneo salentino. Dal 2017-2018 entra in vigore il nuovo sistema di contribuzione, che prevede ampie agevolazioni per le fasce di reddito basse. Un modo per venire incontro alle famiglie del territorio e attrarre matricole, che pur non pagando un euro hanno un peso sui finanziamenti che l’Università riceve dal Miur.

Nello specifico, il nuovo sistema prevede l’esenzione totale dal pagamento delle tasse universitarie per gli studenti con un Isee fino a 16mila euro. L’Ateneo salentino propone in tal modo una versione più avanzata della “no tax area” introdotta a livello nazionale dalla Legge di stabilità 2017, la quale fissa la soglia per l’esenzione a 13mila euro. Approvato anche in Cda il “salvataggio” degli iscritti al secondo anno fuori corso dal pagamento della mora, che viene posticipata al terzo anno.

Lungo e travagliato l’iter per l’ok definitivo al nuovo piano tasse. A inizio giugno, quando la misura sembrava già pronta per essere licenziata dal Cda, a sorpresa la Ripartizione finanziaria e negoziale aveva presentato dati aggiornati sul gettito derivante dalla tassazione che, in pratica, obbligavano a una rimodulazione della proposta, troppo “generosa”. Il punto era stato quindi rinviato, in attesa di trovare una soluzione al problema. La via d’uscita è stata individuata nella rimodulazione della “fascia intermedia” di contribuzione, anche questa introdotta dal nuovo piano, che prevede un aumento progressivo della tassazione. Non più, quindi, un tetto massimo di 50mila euro, ma una nuova soglia a 40mila euro di Isee che ha permesso di riequilibrare il budget.

Per la precisione, degli attuali 16.730 studenti iscritti all’Ateneo salentino, 6.208 iscritti, pari al 37,11%, rientra nella “no tax area” e dal prossimo anno non verserà un euro. Altri 4018, pari al 20,02 %, fanno parte della “fascia intermedia”.

E ora gli studenti esultano per aver portato a casa un risultato che coinvolge una vasta platea di colleghi. «Grazie alla proposta di Link Lecce l’Ateneo salentino diventa molto più attrattivo, anche rispetto agli altri Atenei italiani, per via dell’introduzione di un sistema che va oltre le disposizioni della Legge di Stabilità - dichiara Pantaneo Sergio, componente del Cda - la “no tax area” viene ampliata di 3mila euro rispetto a quanto previsto per legge e senza imporre un numero di crediti formativi per accedervi». «Il sistema di tassazione a cui si è giunti è frutto di un lungo percorso di concertazione e attivazione degli studenti - continua Maria Pia De Medici, senatrice accademica di Link - partito con la condivisione e discussione di ogni proposta nelle assemblee pubbliche che Link ha organizzato sin da aprile. Per questa ragione ci siamo attivati per portare a casa questo risultato storico, come quello di rendere gratuita l’Università a più di un terzo della popolazione studentesca».


Data: 29/06/2017.   Fonte Notizia: Giorgia Salicandro, Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento