Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

TURISMO IN CRESCITA MA TRASPORTI AL PALO. GABELLONE A EMILIANO: «ORA UN VERTICE»

Un elenco di problemi, alcuni antichi, altri attuali. Il presidente della Provincia Antonio Gabellone ha inoltrato al governatore di Puglia Michele Emiliano il documento di...
 

Clicca per ingrandireUn elenco di problemi, alcuni antichi, altri attuali. Il presidente della Provincia Antonio Gabellone ha inoltrato al governatore di Puglia Michele Emiliano il documento di sintesi dell’incontro con i sindaci svoltosi il 25 luglio scorso. Un lungo cahier de doléances, un grido di protesta delle comunità locali alla Regione da un territorio che ha visto crescere il suo appeal turistico senza che vi fosse, contestualmente, un adeguamento e ammodernamento dei servizi offerti ai viaggiatori e anche ai salentini.

«Rete autostradale che termina a Bari e a Taranto, lasciando non collegato il Salento e il suo aeroporto di riferimento (Brindisi); rete infrastrutturale ferroviaria con limiti di percorrenza di 50 chilometri orari e mezzi ferroviari molto vetusti; assenza di collegamenti ferroviari ad alta velocità da parte di Trenitalia; carenza di collegamenti aerei lungo l’asse Puglia-Roma e con il nord Italia; inadeguatezza dei collegamenti da Lecce con gli aeroporti di Bari e di Brindisi, sia per numero di corse che per allineamento orario con i voli; assenza di collegamenti diretti dai centri del sud Salento (Gallipoli, Leuca, Otranto) con gli aeroporti, presenti solo con cambio a Lecce e con tempi di percorrenza inaccettabili (sino a due ore e mezzo); adeguamenti di alcune arterie stradali ancora non effettuati (basti pensare alla Statale 275 Maglie-Leuca in stallo da oltre 20 anni)»: l’elenco è lungo e da anni riempie le pagine dei giornali e il dibattito politico e istituzionale, senza che nulla, concretamente, si muova o migliori.

«Tutti gli aspetti sopra evidenziati - dice Gabellone a Emiliano - non rientrano nelle competenze proprie della Provincia, che può invece intervenire nella pianificazione dei servizi di trasporto di ambito provinciale, eccezion fatta per quelli attualmente gestiti dalla società Fse sia su gomma che su ferro. Tali servizi di Fse, per le note vicende societarie accadute e conclusesi con l’acquisizione dell’azienda da parte di Ferrovie dello Stato, sono risultati assolutamente inadeguati e insufficienti a soddisfare la domanda di mobilità».

Così, la Provincia ha potuto «solo cercare di sopperire alle carenze di tali servizi mediante il servizio di trasporto pubblico estivo “SalentoinBus”, estendendone sempre di più negli ultimi anni il periodo di esercizio, pur in assenza di risorse aggiuntive, rendendo tale sistema l’unico, pur con le sue criticità, a consentire la mobilità estiva nel territorio, garantendo il trasporto di un numero di utenti cresciuto in maniera sempre più significativa».

L’ente di Palazzo dei Celestini, nel frattempo, ha anche redatto il Piano di Bacino del Trasporto Pubblico Locale - anno 2014 - tenendo conto della proroga dei contratti di servizio a giugno 2018. E nel 2016, quando la Regione ha approvato il Piano Triennale dei Servizi 2015-2017 (PTS) con il quale sono state attribuite competenze programmatorie all’Ato della provincia e sono stati aumentati il numero di chilometri “finanziati” da Bari, si è reso poi necessario un ritocco del Piano di Bacino del 2014, attualmente in corso.

I sindaci hanno chiesto di integrare e potenziare «i servizi extraurbani e urbani nell’area urbana estesa di Lecce, per poter offrire una alternativa all’uso dell’auto privata anche per spostamenti di tipo suburbano di corto raggio», di rimediare alla «carenza di collegamenti verso il Comune capoluogo, soprattutto sulle tratte servite attualmente da Fse e una migliore connessione dei Comuni dell’entroterra con la rete di linee di “SalentoinBus”». Proposte e criticità che, nelle intenzioni di Gabellone e dei sindaci, dovranno essere affrontate nel corso di un incontro con Emiliano in persona, cui hanno rivolto l’invito a convocare un tavolo sul tema. Sperando sia l’ultimo, risolutivo. P.Anc.




Data: 10/10/2017.   Fonte Notizia: Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento