Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

REATI IN CALO NEL SALENTO. E NESSUNO DENUNCIA LA CRIMINALITA' ORGANIZZATA

Diminuiscono le denunce per reati in provincia di Lecce. Come nel resto d’Italia dove il 2016 ha registrato un calo.
 

Clicca per ingrandireDiminuiscono le denunce per reati in provincia di Lecce. Come nel resto d’Italia dove il 2016 ha registrato un calo. Ma ci sono anche cifre e percentuali che, a leggerle bene, si prestano a doppie interpretazioni. Uno su tutti: il Salento scompare del tutto dalla classifica delle denunce per associazioni di stampo mafioso. Zero denunce, ultimo posto in classifica. Dunque, o la criminalità organizzata non esiste oppure vince l’omertà.

Quella che emerge dai dati pubblicati ieri dal Sole 24 Ore è una fotografia a prima vista rassicurante dei fenomeni criminali che nel 2016 sono stati denunciati sul territorio. Incoraggiante sì, ma con qualche contraddizione rispetto a quanto, alcuni giorni fa, proprio il capo della Polizia, Franco Gabrielli, aveva detto in un’intervista a Quotidiano: «Nel Salento registriamo i cosidetti reati-spia, e cioè le intimidazioni e gli attentati spesso legati a minacce o a incendi, ma ci sono poche denunce».

Il quadro stilato, tramite due graduatorie distinte, è stato elaborato sulla base dei dati forniti dal Dipartimento per la Pubblica Sicurezza del ministero dell’Interno. L’oggetto dell’indagine statistica è il numero di denunce presentate lo scorso anno in Italia. Nella classifica l’hinterland leccese non solo è in linea con il trend generale, che registra un calo complessivo dei delitti pari a -7,4% rispetto al 2013, ma si distingue per una diminuzione delle denunce ancora più lodevole e sostanziosa delle azioni criminose pari a -12,05%.

In totale sono stati denunciati 24.654 delitti, 3074 ogni 100mila abitanti. In testa alla classifica c’è la provincia di Milano, mentre tra le province pugliesi quella con il numero più alto di denunce è Foggia (al 36° posto), seguita da Bari, Brindisi, Bat e poi Lecce (che si piazza al 72° posto) e Taranto.

La provincia di Lecce, nel 2016, avrebbe “collezionato” circa 67 azioni criminali al giorno, in media quasi 3 all’ora, tra furti, richieste estorsive, rapine, truffe informatiche e tentati omicidi. Ammonterebbero, invece, a zero le denunce sporte per assocazione di stampo mafioso a fronte però di 15,83 esposti (la media ogni 100mila abitanti) per estorsioni. Una contraddizione? Non è facile dare un’interpretazione univoca. Ma, di certo, tornano le parole dell’allarme lanciato dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, ospite a Taviano lo scorso 3 ottobre per parlare di legalità e sicurezza. «Quello che si registra nel Salento - aveva detto Gabrielli- è la differenza tra l’elevato numero di danneggiamenti e incendi, definiti reati-spia, e l’assenza di denunce. Non vi chiediamo di essere eroi, ma di metterci a conoscenza di quello che accade, perchè in ogni caso il silenzio è complice». Che si tratti di paura o omertà, il dato c’è e all’indomani di questa dichiarazione risulta evidente.

Le denunce sono suddivise per tipologie di reato. Nel Salento quelle per furto sono in pole position (2127 per 100mila abitanti), prevalgono quelli in abitazione che si attestano a 286,5 ogni 100mila abitanti. Seguono i furti di auto (per i quali Brindisi e Taranto si attestano rispettivamente all’11° posto al 13° posto), le rapine negli esercizi commeciali e, in ultimo, gli scippi. Ladri ancora prepotentemente in azione, ma anche piuttosto maldestri; ad essere messo a segno con destrezza è in media un “solo” colpo ogni 10 giorni circa. Il boom di furti lasciati all’improvvisazione fa così guadagnare al Salento una delle ultime 10 postazioni in classifica.

Seppur di levatura limitata, anche il dato sulle denunce per truffe informatiche dà da pensare: 205,7 ogni 100mila abitanti, ossia una ogni due giorni. Una percentuale che fa subito tornare in mente anche i raggiri sugli affitti di case vacanze nel Salento.



Data: 10/10/2017.   Fonte Notizia: Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento