Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Sport

IN 1.600 PER LA MARATONA DEL BAROCCO. TUTTI DI CORSA IN UNA CITTA' SENZA AUTO

Trionfa il vincitore della 100 chilometri del Passatore. Secondo e terzo posto a Bergamo e Salvatori.
 

Clicca per ingrandireOltre milleseicento cuori hanno pulsato all’unisono sotto il cielo plumbeo della città, in occasione della seconda edizione della “Maratona del Barocco”. La madre delle gare podistiche organizzata dalla Asd Gpdm del presidente Simone Lucia, si è svolta ieri mattina a Lecce con partenza e arrivo in piazza Sant’Oronzo tra l’entusiasmo dei partecipanti e dei tanti appassionati. Lo stop alle auto e il percorso interamente chiuso al traffico ha provocato, sì, qualche disagio, ma ha permesso agli atleti di correre in sicurezza per oltre 42 chilometri con l’ausilio delle Forze dell’Ordine e della Protezione Civile, che hanno presidiato il tracciato insieme al 118.

Tutti gli iscritti si sono dati appuntamento alle 8 in piazza Sant’Oronzo per il ritiro dei pettorali, in attesa dell’inno di Mameli eseguito dagli alunni diretti dal professor Giovanni Della Ducata della scuola Ascanio Grandi. L’inno nazionale ha preceduto lo sparo della partenza dinanzi all’Esercito Italiano ed in presenza di una bella cornice di pubblico. Centinaia di podisti giunti nel Salento hanno ammirato le bellezze monumentali della città barocca, nell’ambito di un tracciato spettacolare che ha coinvolto alcune zone periferiche. Dopo quindici chilometri percorsi per le vie del centro, gli atleti si sono lasciati alle spalle il cuore della città imboccando la via del Mare per dirigersi verso San Cataldo. Giunti all’altezza di Villa Dario, la muraglia umana ha fatto ritorno impegnando la Strada Provinciale 298 San Cataldo-Lecce - il Fondone - per raggiungere il traguardo posizionato sul punto di partenza.

Le auto sono tornate a circolare liberamente intorno alle 15 in concomitanza della ricca cerimonia di premiazione, che ha chiuso in bellezza la manifestazione. Contestualmente alla competizione degli agonisti si è svolta anche la “Corri e Cammina nel Barocco”, gara non competitiva di 10 chilometri alla quale hanno partecipato circa 450 amanti dello sport open air. Tra i numerosi iscritti si sono notati i pettorali colorati del sindaco Carlo Salvemini, dell’assessore Paolo Foresio e dei consiglieri Massimo Fragola, Erio Congedo e Gabriele Molendini, l’ex assessore Attilio Monosi, dirigenti del Comune e il presidente di Confindustria Giancarlo Negro.

«Oltre che sui numeri, quest’anno abbiamo puntato soprattutto sulla qualità - spiega il presidente Simone Lucia -. L’anno scorso abbiamo ospitato questa manifestazione dopo oltre cinquant’anni dall’ultima maratona e abbiamo avuto alcuni disagi. Ieri credo che queste piccole lacune siano state colmate grazie al lavoro del personale e di tutta l’organizzazione. Tanti forestieri ci hanno fatto i complimenti per la bellezza del percorso e per la gestione dell’evento. Torneremo l’anno prossimo con l’obiettivo di migliorare ulteriormente i servizi».

Per quanto riguarda i risultati sportivi, l’uomo più titolato non ha tradito le attese: Giorgio Calcaterra si è aggiudicato la seconda edizione della Maratona del Barocco confermandosi il re del podismo tricolore. Il campione del mondo della “100 km del Passatore” ha impiegato 2:39:47 per tagliare il traguardo della 42,195 chilometri, della manifestazione organizzata dall’Asd Gpdm, che si è svolta ieri a Lecce con partenza e arrivo in piazza Sant’Oronzo. Calcaterra è salito sul gradino più alto del podio suggellando una prestazione sontuosa che non ha lasciato margini alla concorrenza. Soltanto un generosissimo Cristian Bergamo è riuscito a tenere il passo del campione per la prima parte della corsa. L’atleta di punta e presidente della Asd La Mandra di Calimera si è piazzato al secondo posto assoluto facendo registrare il tempo di 2:42:17, seguito dalla vicecampionessa italiana Paola Salvatori della U.S Roma 83 che ha chiuso la gara in 2:47:14. La staffetta è stata vinta invece dall’accoppiata formata da Luis Elias Cardona Cruz e da Mesias Octavio Cadme Parra facenti parte della UniRoma, abili a fermare il cronometro a 2:49:12.



Data: 27/11/2017.   Fonte Notizia: Paolo Conte, Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento