Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

TAGLI XYLELLA, OK AL DDL PER SUPERARE I VINCOLI

C’è l’ultimo via libera, prima del voto in Consiglio, al disegno di legge per superare i vincoli paesaggistici che impediscono all’Osservatorio fitosanitario regionale di ...
 

Clicca per ingrandireC’è l’ultimo via libera, prima del voto in Consiglio, al disegno di legge per superare i vincoli paesaggistici che impediscono all’Osservatorio fitosanitario regionale di poter procedere con gli abbattimenti delle piante infette, come da tempo chiede l’Europa. La IV commissione ha approvato a maggioranza (astenuti i commissari dei partiti di centrodestra, voto contrario espresso dal M5S), un emendamento alla legge regionale 4/2017 “Gestione della batteriosi da xylella fastidiosa nel territorio della regione Puglia”. Ora manca solo il passaggio in Consiglio regionale e poi si potrà procedere con i tagli nel triangolo del Brindisino - Ceglie, Cisternino e Ostuni - dove sono stati rinvenuti altri focolai ritenuti pericolosi per l’espansione della batteriosi.

La modifica definita dalla Commissione introduce con un articolo aggiuntivo, il dodicesimo della legge, la deroga alle disposizioni normative e regolamentari vigenti in materia di vincoli forestali, ambientali, idrogeologici e paesaggistici, per procedere alla estirpazione delle piante colpite da xylella fastidiosa e di quelle immediatamente adiacenti nel raggio di cento metri (la cosiddetta zona cuscinetto). Con questa norma - anche al fine di evitare l’aggravarsi della situazione dovuta alla procedura di infrazione irrogata dall’Unione Europea allo Stalo italiano -, il Servizio fitosanitario potrà disporre con maggiore rapidità l’esecuzione delle misure di lotta obbligatoria in quelle aree vincolate che prevedono il rilascio di pareri, nulla osta o autorizzazioni di natura paesaggistica, ambientale, idrogeologica e forestale. Infatti, la misura di contenimento del batterio impone all’Osservatorio fitosanitario di operare non solo su aree e colture agrarie, ma anche in aree limitrofe destinate a bosco, macchia mediterranea, ecc.

Ma l’approvazione del ddl è stato mal digerito dalla minoranza. Il coordinatore e consigliere regionale di Direzione Italia, Francesco Ventola, spiega perché in Commissione Agricoltura si è astenuto di fronte all’ennesimo provvedimento d’urgenza. «Esiste un’emergenza xylella. Da anni. Ma non ci sembra che il fenomeno sia trattato come tale né per l’impegno profuso dalla Regione, né per le risorse stanziate. Oggi (ieri per chi legge, ndr) l’ennesima dimostrazione in Commissione Agricoltura dove arriva in tutta urgenza un disegno di legge che dovrebbe consentire i tagli degli ulivi infetti bypassando i vincoli paesaggistici. Un disegno di legge che deroga il Pptr (Piano Paesaggistico Territoriale Regionale). Ad illustrare e dare risposte su questo importante provvedimento per il Governo non c’era nessuno! - lamenta il consigliere Ventola -. A dimostrazione che ogni volta veniamo lasciati in mare senza che qualcuno ci spieghi perché sono necessari questi continui ribaltoni legislativi. Riteniamo che essendo il Pptr frutto di un’intesa Stato-Regione questo Ddl non può forzare le norme che sono anche di natura statale. Il rischio di incostituzionalità è, quindi, dietro l’angolo».

Sulla stessa lunghezza d’onda il vicepresidente della Commissione consiliare Agricoltura, Domenico Damasceni di Forza Italia. «O si fa politica nazionale o si governa la Regione - sbotta -. Il disinteresse di Emiliano anche su un tema che, in campagna elettorale, definiva centrale nella sua agenda di governo, dimostra che ha fatto la sua scelta, mettendo da parte la Puglia. Un argomento importante, quello sulle misure fitosanitarie anti xylella - aggiunge - che, sebbene non inserito in un piano di contenimento di lungo periodo, può concorrere a contenere il batterio killer degli ulivi, che continua ad avanzare indisturbato. E non ci rassegniamo alle brutte abitudini: anche in IV Commissione consiliare Agricoltura ha spiccato l’assenza gravissima della Giunta pugliese e del Dipartimento regionale. Francamente siamo stanchi di questa sciatteria amministrativa, non è rispettoso dei cittadini e delle istituzioni. Non se ne può più». A margine della Commissione, la risposta del consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco: «Su xylella non siamo certamente impazziti, ma stiamo solo cercando di mettere nelle condizioni il Servizio Fitosanitario di intervenire più celermente per frenare una vera emergenza».

Contro la Regione anche l’onorevole Rocco Palese: «Ritardi, sciatterie, inadeguatezza e disinteresse totale. Così la Regione Puglia continua a gestire la tragedia xylella. È possibile che dopo mesi di solleciti da parte dell’Ue a procedere con gli abbattimenti siamo ancora in attesa della legge che consenta di abbattere gli ulivi sottoposti a vincoli paesaggistici?».

Ora, resta solo il voto dell’Aula. Non si esclude possa arrivare anche oggi.


Data: 05/12/2017.   Fonte Notizia: Maria Claudia Minerva, Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento