Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

UNA "GABBIA" PER SANT'ORONZO. PARTE IL RESTAURO: CASO PERMESSI

Prime impalcature già montate in poche ore. Parte il restyling della statua di Sant’Oronzo che sarà restituita alla città con una nuova illuminazione artistica.
 

Clicca per ingrandirePrime impalcature già montate in poche ore. Parte il restyling della statua di Sant’Oronzo che sarà restituita alla città con una nuova illuminazione artistica. Con un cronoprogramma stabilito nei giorni scorsi: l’allestimento completo dei ponteggi nel giro di una settimana e la “gabbia” attorno alla colonna fino in cima. Dentro i restauratori all’opera per circa sei mesi) e, soprattutto, Sant’Oronzo destinato già per Natale a scomparire dallo skyline della piazza. Fuori, dal basso verso l’alto, una serie di banner pubblicitari degli sponsor fino alla riproduzione su pannello della statua. Come per Santa Croce, per intenderci.

Dopo il nullaosta della Soprintendenza, da qualche giorno la ditta Colaci Restauri di Alessano ha cominciato i lavori di allestimento del ponteggio: tutti pronti a fare presto, senza perdere troppo tempo visto che le risorse finanziarie ci sono (tutte private, per il Comune l’operazione è a costo zero).

La giornata di ieri, però, ha visto un piccolo stop e per questa mattina è previsto un incontro fra l’amministrazione comunale e i responsabili del progetto. «Abbiamo convocato la ditta - ha spiegato il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Delli Noci - per fare alcuni accertamenti sull’impalcatura, visto che, superata una certa altezza, bisogna rispettare determinati standard».

C’è chi teme per uno slittamento dei lavori che farebbe allungare i tempi, ma non è escluso che tutto venga chiarito in poco tempo.

L’intervento di recupero è a costo zero per l’amministrazione comunale ed è stato finanziato con il ricorso ad alcuni sponsor nazionali che, come si diceva, compariranno sui banner allestiti lungo la grande gabbia bianca che ricoprirà il monumento. Un restauro che, in realtà, sarebbe dovuto cominciare prima della scorsa estate dopo l’approvazione già dalla precedente giunta guidata da Paolo Perrone. Una serie di rallentamenti burocratici hanno fatto slittare fino ad oggi la cantierizzazione dell’opera. Fra l’altro, una volta insediatasi la nuova giunta, Delli Noci ha chiesto di sfruttare l’opportunità per dotare la statua di una nuova illuminazione artistica. Una richiesta accolta dalla ditta che ha comportato, però, di rimettere nuovamente mano al progetto originario.

Cosa prevede il restauro? Innanzitutto, una serie di interventi sulla colonna che risale al Seicento ed è stata realizzata utilizzando i rocchi crollati dello stelo marmoreo di una delle due colonne romane poste al termine della Via Appia a Brindisi. Uno smacco ancora mal digerito dalla città adriatica, che, qualche anno fa, ne chiese la restituzione, ovviamente senza ottenerla.

Contestualmente, si interverrà sulla statua del santo patrono, posta a 29 metri d’altezza, costruita a Venezia nel 1739 e realizzata in bronzo fuso. Qui bisognerà agire soprattutto sui segni del tempo per evitare che si rischi un progressivo deterioramento. Infine, per valorizzare la bellezza del monumento simbolo di Lecce anche di notte, si predisporrà, come detto, l’illuminazione artistica con una luce adeguata per evitare qualsiasi impatto ambientale visivo che possa risultare fastidioso o eccessivo.

L’idea della ditta, la stessa che si è occupata della riqualificazione dell'Orologio delle Meraviglie, sempre in Piazza Sant’Oronzo, per conto del Banco di Napoli, è quella di illuminare la statua dal capitello stesso integrando lampade progettate ad hoc.


Data: 05/12/2017.   Fonte Notizia: Ilaria Marinaci, Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento