Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

SALENTO, FAME DI LAVORO: IN 1.783 PER 12 POSTI AL CONCORSO SANITASERVICE

Fame di lavoro: è caccia al concorso e per 12 posti in Sanitaservice Lecce andranno in 1.783 alla prova d’esame.
 

Clicca per ingrandireFame di lavoro: è caccia al concorso e per 12 posti in Sanitaservice Lecce andranno in 1.783 alla prova d’esame. E quasi tutti salentini i candidati. In palio posti da impiegato nella società controllata dall’Asl di Lecce.

La prova d’esame, fissata per il prossimo 8 febbraio alle 14.30 alle Manifatture Knos: un test a risposta multipla. Il battaglione di candidati si è mosso per avere la chance di un posto fisso nella pubblica amministrazione. Questa la molla, senza troppi giri di parole.

Sono rimasti fuori dalle prove d’esame 116 aspiranti impiegati per motivi sostanzialmente che sono legati a carenza di documentazione, ma il dato che conta è, appunto, quello degli ammessi in proporzione alla posta in palio. Che, in realtà, è tutt’altro che un’eccezione, come ammettono gli addetti ai lavori: l’assalto al posto non è infrequente quando si tratta di concorsi della pubblica amministrazione. Basti pensare che per il concorso regionale per infermieri, bandito dall’Asl Bari, hanno fatto domanda in 14mila e alla fine nella graduatoria dei vincitori ne sono entrati in 199, in quella generale 1.367. Oltre ai 385 che hanno i requisiti per la stabilizzazione.

I concorsi più “amati”, ossia con gran numero di candidati, sono quelli per carabinieri, polizia, guardia di finanza, circostanza nota, ma ormai l’acchiappo è a largo raggio. A Parma, il 23 gennaio scorso, per un posto da infermiere bandito dall’Ausl locale, si sono presentati in cinquemila arrivati anche da fuori regione. Il contingente più robusto, 400 infermieri, si è mosso dalla Puglia con Bus To Go, un servizio di trasporto con pullman dedicato a chi partecipa a un concorso pubblico della sanità. Si tratta di un servizio ideato da due infermieri disoccupati di Nocera, attivo anche in Puglia: Lecce in testa.

Posto fisso, questo il mantra, che nel caso dei due infermieri disoccupati è diventato occasione di lavoro: paradosso positivo, ma per Antonio Tarantino, segretario provinciale della Uil Fpl, sarà un obiettivo che – nolente o volente – andrà in soffitta. «Il posto fisso dovremo dimenticarlo» prefigura Tarantino spiegando: «In passato la pubblica amministrazione è stata un ammortizzatore sociale permettendo a chi aveva uno stipendio di mantenere tutta la famiglia, ma la scure dei tagli e l’innovazione tecnologica porta a togliere questa funzione non dichiarata. L’errore è che l’innovazione tecnologica non è stata introdotta pienamente perché se lo fosse porterebbe a una maggiore occupazione giovanile».



Data: 26/01/2018.   Fonte Notizia: Maddalena Mongiò, Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento