Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

TASK FORCE DEI MEDICI: «SALENTO, ALLARME TUMORI ORA DATI PIU' AGGIORNATI»

«Dati scarsi sulla diffusione delle patologie tumorali, inquinamento ambientale e connessione con l’aumento dei tumori oltre ...
 

Clicca per ingrandire«Dati scarsi sulla diffusione delle patologie tumorali, inquinamento ambientale e connessione con l’aumento dei tumori oltre a un faro accesso su quanto accade al corredo biologico nei primi mille giorni di vita a partire dalla fecondazione».

Parole di Donato De Giorgi, presidente dell’Ordine dei medici. E sono i contenuti che sta alla base della nascita della Commissione Ambiente e Salute costituita per volontà del Consiglio direttivo - ce ne sono altre 17 su temi vari che vanno dalla Formazione, alla Comunicazione, alla medicina del territorio, per citarne alcune - e che sono stati resi noti nel corso di un incontro (l’altro ieri) al Polo oncologico del Vito Fazzi in cui sono state definite le linee programmatiche. Una Commissione che il presidente dell’Ordine dei medici, Donato De Giorgi, ha definito «nevralgica per gli obiettivi che intendiamo raggiungere». Perché, sul fronte dei rapporti tra tumori e inquinamento ambientale, «non possiamo più aspettare e servono dati più aggiornati di quelli solitamente a disposizione». Una sorta di task force composta da esperti.

L’Ordine dei medici vuole dare una scossa su temi di vasta portata e si mette in gioco in prima persona. Per la messa in atto delle azioni ipotizzate la commissione dovrà aspettare l’approvazione delle linee programmatiche in seno al Consiglio direttivo. Strada spianata: gli obiettivi sono condivisi dai medici che siedono in Consiglio tanto che lo stesso presidente De Giorgi ha aperto la prima seduta della commissione e due componenti dell’Ordine sono presenti in qualità di coordinatore (Giovanni De Filippis direttore del Dipartimento di Prevenzione della Asl di Lecce) e di co-cordinatore (Assunta Tornesello, direttore del reparto di Oncoematologia pediatrica del Fazzi). Una novità per chiamare a raccolta anche gli Ordini di Taranto e Brindisi: un gemmellaggio che consente, per usare le parole di De Giorgi, «di fare rete su questioni che interessano tutto il Grande Salento» come quello sui temi di ambiente e salute.

«Abbiamo esperti di grande valore – ha aggiunto De Giorgi – che, a titolo gratuito, è bene ribadirlo, daranno un contributo importante sul tema ambiente-salute. L’Ordine dei medici di Lecce riserva un ruolo prioritario al programma della Commissione Ambiente e Salute. Il nuovo Consiglio non vuole e non può più sottrarsi dal fare i conti con una situazione epidemiologica del territorio salentino in cui risultano particolarmente elevate l’incidenza di patologie respiratorie neoplastiche, con un significativo aumento dei tumori mammari, della sfera genitale femminile ed epato-bilio-pancreatici. Né può sfuggire il rapporto tra esposizioni ambientali e lavorative ad agenti neurotossici e malattie neuro-degenerative e del neuro-sviluppo sin dalla vita intra-uterina».

De Filippis, sulla stessa lunghezza d’onda, aggiunge che «la nostra attenzione sarà rivolta ai fattori ambientali e all’incidenza sulle patologie tumorali. Con il nuovo presidente dell’Ordine c’è spazio per trattare queste tematiche. Tra le prime iniziative una borsa di dottorato con l’Università del Salento e un corso di formazione per i medici sull’epigenetica che mette in evidenza i rapporti tra ambiente e salute, a partire dal momento della gestazione».

Programma in sei punti, ma di vasta portata – quello che il Consiglio direttivo dovrà approvare – con una premessa: «La salute oggi è un diritto garantito solo ad un’esigua minoranza della popolazione mondiale ed è oggetto di grande interesse di un trust delle industrie della salute, che per mantenere alti i profitti induce una sorta di consumismo delle prestazioni sanitarie e disprezzo per le misure di prevenzione».

Il binomio ambiente-salute viaggerà in primo piano come tappa cruciale della prevenzione primaria. In rete con altre istituzioni, enti ed esperienze, la commissione intende svolgere attività di ricerca per individuare il nesso tra malattie e inquinamento. Finanziare borse di dottorato di ricerca su specifiche tematiche legate a “Inquinamento ambientale, Salute pediatrica, pesticidi e malattie neurodegenerative” nel territorio salentino in sinergia tra Ordine dei medici, Asl, Unisalento. La sfida è appena cominciata.



Data: 05/02/2018.   Fonte Notizia: Maddalena Mongiò, Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento