Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

TURISTI IN SALENTO, SI CAMBIA: TARGET ALTO E PIU' STRANIERI

Internazionale e di target alto: il turismo salentino comincia a prendere una nuova fisionomia.
 

Clicca per ingrandireInternazionale e di target alto: il turismo salentino comincia a prendere una nuova fisionomia. Lo dicono i dati regionali sugli arrivi e sulle presenze, per quanto ancora provvisori e parziali. Lo confermano gli operatori del settore, in una domenica (quella di ieri) che ha regalato sulla costa salentina una giornata tra le migliori della stagione estiva, sia sotto il profilo del tempo sia delle presenze al mare.

Proprio in spiaggia, sia lungo il litorale jonico sia adriatico, si notano ancora molti forestieri.

«La Puglia cresce - fa sapere l’assessore regionale all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone - Cresce soprattutto la destagionalizzazione, il turismo straniero e quello di alta fascia, secondo gli obiettivi programmati, sui quali operatori e città si stanno impegnando. Ma mi sembra che ancora di più si può fare, perchè sono gli obiettivi che consentono sicuramente una maggiore qualità del settore e una maggiore incidenza sul pil del turismo come settore di sviluppo economico». «Questo risulta confermato da tutti i dati che abbiamo ad oggi» aggiunge l’assessore Capone, precisando che, riguardo i dati su arrivi e presenze sono stati forniti dall’80 per cento delle strutture.

Comunque, ricorda l’assessore regionale, nei primi sette mesi dell’anno, secondo dati provvisori e parziali, è stato registrato un aumento del 10 per cento sia degli arrivi sia delle presenze degli stranieri. In lieve calo, invece, gli italiani, con meno 2,2 per cento degli arrivi e meno 0,8 per cento delle presenze.

In totale, c’è stato un aumento dell’1,5 per cento degli arrivi e un più 1,9 per cento delle presenze rispetto allo steso periodo dell’anno scorso. Non solo. «Abbiamo registrato ben 2,3 punti percentuali in più del tasso d’internazionalizzazione dell’incoming» aggiunge Loredana Capone.

Ma, lungo la costa, qualche flessione c’è stata. Un dato già anticipato nei mesi scorsi dagli stessi imprenditori balneari. «Dopo un mese di giugno eccezionale - dice Vito Vergine, presidente di Sib-Confcommercio, titolare delle “Maldive del Salento” - c’è stato un calo ad agosto. Soprattutto c’è stato un calo delle presenze nelle strutture ricettive nelle località di mare in favore dei centri storici dell’entroterra. I turisti sono stati spinti a preferire i paesini - ritiene Vergine - probabilmente anche a causa dai prezzi eccessivi e dall’inadeguatezza delle abitazioni della fascia costiera».

D’altra parte, aggiunge, «questo lo abbiamo sempre detto, così come abbiamo sempre auspicato un ridimensionamento delle presenze ad agosto, fino ad ora sempre sbilanciato rispetto agli altri mesi estivi che, così, finiva per incidere negativamente sull’intero assetto ambientale, strutturale, sociale del territorio».

«Come dare torto a chi sceglie di soggiornare nei piccoli centri - considera ancora - dove gli affitti costano meno rispetto al mare e si vive meglio il rapporto con il territorio? Si ha la sensazione di una maggiore autenticità, per esempio, facendo colazione al baretto in piazza piuttosto che in spiaggia o in albergo».

Il rappresentante degli imprenditori balneari di Confcommercio - circa 170 - non dimentica che è stata un’estate impegnativa sulle spiagge, soprattutto quelle del versante jonico, tra sigilli, chiusure, divieti. «Se vogliamo essere destinazione turistica dobbiamo rientrare nelle regole - è l’auspicio - e invertire le consuetudini negli uffici pubblici e nei servizi: ad agosto, se vogliamo offrire la qualità, bisogna lavorare».


Data: 24/09/2018.   Fonte Notizia: La Gazzetta del Mezzogiorno

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento