Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

OLIVE, PRODUZIONE A -90%. TRA XYLELLA E MALTEMPO IL DISASTRO PUGLIA

È il 2018 l’anno terribilis per la produzione di olio.
 

Clicca per ingrandireÈ il 2018 l’anno terribilis per la produzione di olio. In Puglia si registra un calo del 90 per cento: un disastro per l’economia regionale (ma anche nazionale) e per centinaia di piccole aziende agricole in ginocchio a causa dell’epidemia della xylella e del maltempo che fino a pochi giorni fa ha flagellato le campagne.

È terminata con due mesi di anticipo in gran parte d’Italia la campagna olivicola che passerà alla storia come una delle peggiori di sempre. A dirlo è Italia Olivicola che, facendo un primo bilancio in Puglia, Calabria e Sicilia, registra picchi di perdite produttive spaventosi. Questo, con frantoi e oleifici cooperativi chiusi perché mancano le olive e oltre un milione di giornate lavorative andate in fumo.

Colpa soprattutto delle gelate di fine febbraio e del maltempo che ha investito l’Italia in queste settimane, segnala Italia Olivicola, con la Puglia la regione che più ha sofferto. Nelle province di Bari e Bat, la riduzione sfiora il 90% rispetto allo scorso anno. A Corato, Andria, Ruvo di Puglia, Bitonto molte attività hanno già chiuso i battenti, mentre alcune non hanno nemmeno iniziato a lavorare. L’olivicoltura è rasa al suolo, invece, in Salento, dove la xylella continua a fare strage di ulivi. Lo scenario non migliora in Calabria e Sicilia che registrano pesantissime perdite di frutto e prodotto appesantite dalle recenti abbondanti piogge. Le uniche regioni che hanno avuto un aumento di produzione, segnala l’Organizzazione, sono Abruzzo e Toscana.

Ad accompagnare questa debacle è la perdita delle giornate di lavoro solo per la manodopera a tempo determinato assunta dalle imprese olivicole durante la fase della raccolta. È tutto fermo da settimane, avverte il presidente di Italia Olivicola, Gennaro Sicolo, non c’è lavoro perché manca la materia prima di base. Le tre regioni maggiormente colpite dalla crisi produttiva assorbono il 47% della manodopera a tempo determinato dell’intera agricoltura nazionale, essendo aree agricole ad alta vocazione ortofrutticola ed olivicola, settori questi caratterizzati da una elevata concentrazione temporale dei fabbisogni di lavoro.



Data: 23/11/2018.   Fonte Notizia: Nuovo Quotidiano di Puglia

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento