Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Turismo

LECCE-LEPORE, L'AEROPORTO DI SAN CATALDO RIAPRE

Dopo un “letargo” durato sedici anni, l’aeroporto “Lepore” di San Cataldo è di nuovo pronto a spiccare il volo, contribuendo a dare impulso alle attività turistiche.
 

Clicca per ingrandireDopo un “letargo” durato sedici anni, l’aeroporto “Lepore” di San Cataldo è di nuovo pronto a spiccare il volo, contribuendo a dare impulso alle attività turistiche. Voli privati, charter, collegamenti con la Grecia ma anche azioni di controllo e monitoraggio del territorio le prospettive che si schiuderanno grazie ad un lungo impegno della società Fly Mediterraneo, che già anni fa acquisì e riqualificò l’area, utilizzata per molto tempo dal locale aeroclub (una lunga vicenda giudiziaria, poi conclusasi positivamente, ne bloccò per anni la ripartenza).

L’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) ha ora rilasciato tutte le autorizzazioni necessarie e deve essere completato solo il quadro assicurativo. L’obiettivo è quello di aprire lo scalo aeroportuale nella prossima primavera, probabilmente a marzo, iniziando con un’attività stagionale legata in particolare al turismo ed ai collegamenti privati.

L’inaugurazione era stata programmata già per lo scorso settembre, ma si è reso necessario uno slittamento per ottemperare alle prescrizioni dell’Enac, che richiede particolari assicurazioni che conteplino, fra l’altro, anche una valutazione del rischio. Il “Lepore”, infatti, non è considerato come una semplice aviosuperfice ma alla stregua di un vero e proprio aeroporto, sebbene di dimensioni ridotte. E come tale vengono richieste delle tutele che devono essere garantite. Un iter che ha richiesto diversi step autorizzativi, passando per Brindisi, Bari, Napoli e Roma. Gli stessi tecnici Enac hanno svolto numerosi sopralluoghi nell’area aeroportuale ed ogno aspetto è stato messo a punto. Dopo il completamento delle polizze, si sarà pronti al “decollo”.

Già da alcuni giorni sono stati avviati gli interventi di sistemazione delle strutture, degli hangar e della torre di controllo che già anni fa furono oggetto di ristrutturazione (la torre realizzata ex novo) quando la società Fly Mediterraneo entrò in possesso dello scalo.

Tra le prospettive, anche quella di utilizzare il “Lepore” come una struttura polifunzionale, aprendola ad eventi e manifestazioni che necessitino di ampi spazi. Non ci saranno voli di tipo “commerciale”, che richiedono speciali autorizzazioni. Tutto, si diceva, è legato al turismo, alla possibilità di effettuare collegamenti privati ed attività comunque connesse all’aviazione. Alleggerendo, in questo modo, anche le problematiche degli aeroporti di Brindisi e Bari, nei quali gli aeroclub non trovano più gli stessi spazi operativi considerata la preponderante e crescente attività commerciale. A questo si potranno aggiungere attività complementari, utilizzando la struttura anche per la sicurezza del territorio, il monitoraggio ambientale, la prevenzione degli incendi.



Data: 26/11/2018.   Fonte Notizia: La Gazzetta del Mezzogiorno

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento