Assicurazioni
& Pratiche automobilistiche

Assicurazioni
& Pratiche Automobilistiche

 

 

Immobili in Affitto/Vendita


 

 

 

 

 

Strutture ricettive
e Ristoranti nel Salento

Hotels

 

Agriturismo/B&B

 

Ristoranti

 

 

Eventi
nel Salento

Feste

 

Sagre

 

Concerti

 

Mostre

 

Altri

 

 

Newsletter

Iscrizione

 

Cancellazione

 

 

Link utili

Link utili

 

 

Disclaimer

Disclaimer

 

 

Dalla rubrica: Cronaca

SPARITA SPIAGGIA DI TORRE DELL'ORSO: SOS DI FEDERBALNEARI

Cancellata buona parte della spiaggia libera: si propone il trasporto della sabbia a riva con i soldi della tassa di soggiorno.
 

Clicca per ingrandireIl mare porta via un tratto di spiaggia della baia. Federbalneari chiede la collaborazione delle amministrazioni per salvaguardare il litorale e, quindi, il turismo. La forte mareggiata dei giorni scorsi ha divorato il tratto di spiaggia antistante il lido “L’Orsetta”. Lì dove, nel periodo estivo, vengono posizionati lettini e ombrelloni dello stabilimento e in una parte dell’adiacente tratto di spiaggia libera, adesso c’è solo mare. «La mareggiata ha spostato la barra dunale che custodisce la spiaggia - spiega il presidente di Federbalneari, Mauro Della Valle - un fenomeno eccezionale che si è verificato, però, anche lo scorso anno. È necessario, in questi casi, un intervento di ripascimento che deve essere effettuato dalle amministrazioni, in quanto i tempi per un intervento del privato risulterebbero troppo lunghi».

Il presidente di Federbalneari incontrerà, domani, il sindaco di Melendugno, Marco Potì. L’intento è quello di collaborare per accelerare i tempi e intervenire, dunque, prima dell’inizio della stagione turistica. «L’intervento di ripascimento consiste nel trasportare la sabbia che si è riversata al largo verso la spiaggia - spiega - Purtroppo, si tratta spesso di interventi lenti, durante i quali è necessario acquisire una serie di pareri, compreso quello di Arpa che deve effettuare dei campionamenti. Nel corso dell’incontro - prosegue - chiederemo all’amministrazione di collaborare relativamente al percorso amministrativo che dovrà essere seguito. Il sindaco si è reso subito disponibile».

Per Federbalneari è necessario un percorso condiviso con le amministrazioni comunali per far fronte ad interventi che, ormai, non possono essere considerati eccezionali. «Se i comuni rivieraschi confinanti, come Melendugno, Vernole e Otranto, si dotassero di una draga, una particolare imbarcazione che permette di pompare la sabbia depositata sul fondale per ricollocarla sul sito di origine, in spiaggia - spiega Della Valle - il fenomeno sarebbe sotto controllo. Questo sistema permetterebbe di intervenire anche di notte, durante l’estate. Lo stesso potrebbero fare altri comuni, come Gallipoli, Porto Cesareo e Ugento, che presentano le stesse problematiche. Altre regioni più virtuose, come Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Veneto - puntualizza - già lo fanno. Il mezzo potrebbe essere acquistato tramite i proventi dell’imposta di soggiorno. È nostra intenzione - conclude - aprire un confronto con le amministrazioni per valutare questa possibilità».



Data: 31/01/2019.   Fonte Notizia: Elena Armenise, La Gazzetta del Mezzogiorno

 

 

Comuni della provincia di Lecce

 

 

Viaggi culturali in Puglia

Viaggi culturali in Puglia

 

 

Partners Commerciali

 

 

Shuttle/Navetta
nei comuni di ...

 

 

 

SALENTO
da scoprire ...

Monumenti del Salento